GuySpy Italia: More Naked Rugby Players!

Mario Esposito
Authored by
Mario Esposito

December 16, 2013
2:19 p.m.

English Version (la versione italiana è alla fine di questo articolo)

20131210160932-95b727e1

Wonderful half naked bodies to fight gay hate. This is what is happening in Italy, where some of the most beautiful men of the country are doing their best to help the gay community.

In fact, the Siena Rugby 2000, the main Tuscan city’s rugby team, has launched its new calendar against homophobia.

The players’ bodies are shown like paintings and it will probably be a great success, as in 2013.

Captain Juri Conti said: “In 12 months we show the most beautiful and helpful sport in the world. Rugby can talk to everyone, without discrimination or sexism. We want this calendar to be a tradition and a sign of our commitment to society.”

The photos by Matteo Castelli and Andrea Sampoli are aimed at fighting the bullies as well. In a country where homophobia is still very strong, the move was welcomed by Italy’s main gay associations.

Versione in italiano

Meravigliosi corpi mezzo nudi per combattere la discrimazione verso le persone gay. È quello che sta accadendo in Italia, dove alcuni fra gli uomini più belli del Paese stanno facendo del loro meglio per supportare la comunità gay.

Infatti, il Siena Rugby 2000, la principale squadra di rugby della città toscana, ha lanciato il suo nuovo calendario contro l’omofobia.

I corpi dei giocatori sono mostrati come dei dipinti e sarà molto probabilmente un successo pari a quello avuto dall’edizione del 2013.

Il capitano della squadra, Juri Conti, ha detto: ‘In dodici mesi, mostriamo lo sport più bello e utile al mondo. Il rugby può parlare a chiunque, senza discriminazione di genere. Vogliamo che questo calendario diventi una tradizione e un simbolo del nostro impegno verso la società.

Le foto di Matteo Castelli e Andrea Sampoli hanno anche l’obiettivo di combattere il bullismo. In un Paese dove l’omofobia è ancora molto forte, il calendario è stato salutato con favore dalle principali associazioni gay.

Comments



No comments yet